piatta

5. piattaforme











home
la Rete delle reti
presentazione
qualità e sicurezza
formazione
spostamenti
gruppi e spazi
piattaforme
PAI, PIA, RAV, PdM, PTOF
modelli organizzativi
curricula
modelli didattici
non da soli

É opportuno che ogni scuola scelga un’unica piattaforma uguale per tutti i docenti

e classi nell’ottica di un funzionamento della scuola misto in presenza a distanza. 

Ciò serve a non disperdere le competenze formatisi nella didattica a distanza

sia in caso di ripresa della pandemia sia di funzionamento in presenza o misto



LAVORARE IN RETE IN PRESENZA E A DISTANZA
Giacomo DALSENO - RETE AMICO BOLOGNA
  

L’obiettivo della DAD per lo più riconosciuto e condiviso è mantenere l’interazione della scuola con alunni e famiglie per sostenere socialità, senso di appartenenza alla comunità e per garantire la continuità didattica in coerenza con gli obiettivi formativi e di competenza.  

Tutto ciò non va confuso con altri termini, tra cui FAD, eLearning, Blended Learning o telematica o con “tecniche formative”. Sono stati usati molti strumenti, raggruppati in buona parte col termine “piattaforme” ed in taluni casi “Social Media”.

Le piattaforme con le loro applicazioni permettono un’attività di didattica a distanza sia in modalità sincrona per assicurare la relazione tra alunni e docenti, sia in modalità asincrona per permettere agli studenti di ricevere e di utilizzare materiale di studio. Le percentuali delle due modalità nelle stesse scuole e nel panorama nazionale variano volutamente o per necessità.

I Social, da soli, non si prestano molto ad una interazione asincrona. In effetti i Social sono stati usati molto per la scuola dell’infanzia dove è opportuno sviluppare attività, per quanto possibile e in raccordo con le famiglie, costruite sul contatto “diretto” (se pure a distanza), tra docenti e bambini.

Effetto complessivo è stato quello, per tutti gli ordini di scuola, riprogrammare e rimodulare la metodologia didattica: rivedere le UDA, semplificare gli obiettivi specifici di apprendimento, puntare a traguardi per lo sviluppo delle competenze. Una rimodulazione specifica ha riguardato gli allievi con disabilità così come quelli con bisogni educativi speciali non certificati.

Una prima verifica dell’andamento della DAD in itinere può essere effettuato attraverso i feedback degli alunni e delle famiglie e attraverso il monitoraggio del livello di partecipazione e di competenze, anche nuove, acquisite o rafforzate.

Le principali piattaforme per la didattica sincrona e asincrona sono:
Google Suite for Education: la suite dà accesso agli applicativi di Google che consentono di attivare la didattica a distanza.

Office 365 Education A1: strumenti per didattica online, videoconferenze, classi virtuali e altro.

Weschool: piattaforma di classe digitale per fare didattica innovativa.

Edmodo: riprende l’aspetto grafico di un blog e il cromatismo di facebook. Particolarmente apprezzata dai docenti dell’infanzia primaria anche per via delle modalità di iscrizione degli studenti.

Piattaforme per video conferenza (modalità sincrona), sono:


.


piattaforme